Appleby – Mattia Zoppellaro

settembre 2018, bludiprussia

 

Appleby – Mattia Zoppellaro
Special Guest : Floria Sigismondi : Featuring Galleria In Arco – Torino

Traffic Gallery Contemporary Art, Via San Tomaso 92 Bergamo
25 Settembre – 25 Novembre 2018
Opening Martedì 25 Settembre 2018 ore 18:30-21:30

 

Traffic Gallery è felice di ospitare nei propri spazi Appleby, mostra personale del fotografo Mattia Zoppellaro. Classe 1977 Zoppellaro è noto ai più come fotografo di musica attivo fin dai primi anni 2000 per le più importanti riviste musicali italiane e inglesi e di cultura contemporanea. Ha realizzato inoltre diversi reportage sociali, di costume e sui movimenti giovanili, dei quali ricordiamo in particolare quelli sulla scena rave europea – esposti da Traffic Gallery nel 2009 – e sugli homeless americani, esposti da Traffic Gallery nel 2010.

 

Mattia Zoppellaro, the river Eden, 2014, Courtesy Traffic Gallery

 

Appleby è una fiera di cavalli con cadenza annuale che Mattia Zoppellaro ha frequentato per quattro anni riuscendo nel suo intento documentativo di una cultura e di un popolo molto chiuso e tradizionalista. Questo popolo chiamato Irish Travellers, o anche Pavee, sono un gruppo etnico tradizionalmente itinerante, prevalentemente di lingua inglese. Le origini di questa gente sono tutt’altro che note. Ci sono diverse ipotesi che sono difficili da verificare data la tradizione orale di questo popolo. Potrebbero discendere da un antico popolo nomade, i Tarish, oppure da proprietari terrieri che hanno perso i loro beni a seguito della conquista dell’Irlanda da parte di Oliver Cromwell e della carestia che ha colpito il paese nel XIX secolo. Oppure ancora la versione più mitologica recita che il loro antenato fosse un artigiano che aveva accettato di costruire la croce di Cristo ed è stato per questo condannato a vagare senza trovare una fissa dimora. I Travellers si ritrovano alle cosiddette “Horse Fair” per comprare e vendere cavalli, incontrarsi con amici e parenti, e festeggiare il proprio folklore al ritmo della loro musica tradizionale. La Appleby Fair si tiene ogni anno nel mese di giugno, ed è una delle più grandi e antiche d’Europa. Si svolge al di fuori della città, ad un bivio sulla strada romana in prossimità di Gallows Hill (la collina che prese il nome dalle impiccagioni pubbliche di un tempo).

Gli scatti fotografici della mostra sono un viaggio nomade tra volti bianchissimi e abbigliamenti ultra kitsch, un viaggio tra giochi di bambini e tradizioni di adulti, tra volti segnati dal tempo e sguardi pieni di purezza. La cultura nomade di queste genti trova contrasti visivi tra povertà e festa, tradizione e libertà, dove la curiosità del fotografo si insinua con delicatezza e fermezza nel tentativo di catturare l’essenza di un popolo per definizione mai fermo.

 

Mattia Zoppellaro, Jimmy getting ready to race, 2012, Courtesy Traffic Gallery

 

Mattia Zoppellaro, Chris with his horse Paddy, 2014, Courtesy Traffic Gallery

 

La mostra di Mattia Zoppellaro è una mostra di scatti a colori, posti nelle sale principali della galleria, dove nella maggior parte dei casi appare il ritratto come mezzo previlegiato, senza dimenticare il verde della campagna e la presenza di un animale che ancora oggi viene usato dai Travellers come mezzo di trasporto.

Nell’office room della galleria, grazie alla collaborazione con la Galleria In Arco di Torino, saranno presenti due scatti autoritratti iconici di una delle donne più visionarie dei nostri tempi. Floria Sigismondi, artista e regista italo-canadese celebre per i suoi videoclip girati per personaggi quali David Bowie, Marylin Manson, Bjork e molti altri. Due autoritratti dell’artista di composizione e posa classica ma con luci e oggetti in stile dark e un abbigliamento che ricorda l’assemblaggio di stilemi provenienti da culture lontane e diverse che potrebbero farci tornare in mente l’essenza di un nomadismo culturale e intellettuale.

 

MATTIA ZOPPELLARO – Biografia

Nasce nel 1977 a Rovigo, in Italia. Studia fotografia presso lo IED di Milano. Dopo aver lavorato per due anni presso Fabrica – the Benetton Group Communications Research Center – si trasferisce a Londra dove inizia a lavorare nel mondo della musica. Attualmente collabora con le più importanti riviste musicali e di cultura contemporanea come Mojo, Les Inrockuptibles, Rolling Stone, Sunday Times Magazine, Sportweek, La Repubblica (Velvet, XL, D), Urban, El Pais Semanal, Financial Times Weekend, Vanity Fair, GQ, L’Espresso e molte altre. Nel Settembre 2010 ha firmato la copertina di Rolling Stone dedicata a Patti Smith. Ha realizzato inoltre diversi reportage sociali (Gypsies Irlandesi, Homeless di Hackney, Prigioni di Massima Sicurezza del Nord-Est), di costume (Cerimonie Religiose nel Meridione, Fiera del Sesso) e sui movimenti giovanili (Rave Parties Europei, Punk Messicani, Scena Hip Hop di Dakar), solo per citarne alcuni. Recentemente ha esposto il suo reportage, durato 4 anni, relativo ai Travellers Irlandesi con una mostra personale allo Spazio Forma Meravigli di Milano. Mostra accompagnata dalla prestigiosa pubblicazione per ContrastoBooks intitolata “Appleby”, progetto editoriale presentato in diverse sedi, tra le quali ricordiamo la più importante presso il Grand Palais di Parigi all’interno di Paris Photo 2017. Mattia è uno dei talenti più entusiasmanti e affascinanti del suo settore.

 

Le sue fotografie sono state esposte in vari spazi privati e pubblici tra i quali :

Portrait(s) Festival, Group Show, Vichy, France, 2018
Behind Excellence, Solo Show at Munich Airport, 2018
Mia Photo Fair, Solo Show for Traffic Gallery, Milan 2018
Presentazione del Libro “Appleby” di Mattia Zoppellaro at Paris Photo 2017, ContrastoBooks, Parigi 2017
Presentazione del Libro “Appleby” di Mattia Zoppellaro at Fondazione Forma, ContrastoBooks, Milano 2017
Altre Storie, altre Voci, Double Show at Fondazione Forma, Milano, 2017
Cortona on the Move, Festival Internazionale di Fotografia, Cortona 2016
Scratches, Solo Show at Traffic Gallery, Bergamo 2016
HEROES, Solo Show for Italianism – Outdoor Festival, Roma, 2015
Now You’ve Seen Me, Double Show curated by Rossella Moratto at Traffic Gallery, Bergamo 2010
Unscheduled # 1, Group Show curated by Rossella Moratto at Traffic Gallery, Bergamo 2009
CSOA COX18, Milan (featuring Traffic Gallery), 2009
Guest Projects, London, 2009
Shonibares’ Space, London, 2009
Number 22, London, 2008
Fabrica Features “XS”, Bologna, 2003
Fondazione Querini Stampalia, Incontro su “Arte e Design”, Venezia, 2002.

 

Eventi speciali, copertine e pubblicazioni :

Cover & Portrait of Roberta Vinci for D Repubblica, October 2015
Cover & Portrait of U2 for Mojo, January 2015
Federica Pellegrini for L’Equipe Magazine, August 2014
James Franco for Vanity Fair, September 2014
Damon Albarn for Rolling Stone, April 2014
Wes Anderson for IL, March 2014
Usain Bolt for Vanity Fair, June 2013
Paul Smith for Rolling Stone, March 2013
Giorgio Armani for Vanity Fair, June 2012
Lou Reed for Rolling Stone, March 2012
Noel Gallagher for Rolling Stone, November 2011
Cover & Portrait of Patti Smith for Rolling Stone, September 2010
Portraits of N.Vascellari of the show of N.Vascellari at MUSEION, Italy 2010
Cover & Portrait of Depeche Mode for Rolling Stone, June 2009
Foto per “I miei rave erano suoni e sogni” su L’Espresso, pp 74-76, 31 August 2009
Portrait of Subsonica for Velvet di Repubblica, March 2008
Portrait of Amy Winehouse for Mojo p.51, January 2008
Portrait of Amy Winehouse for Velvet di Repubblica, July 2008
Portrait of Dario Argento for Velvet di Repubblica p.246, October 2008
Portrait of Francesco Cossiga for Rolling Stone p.110, March 2008
Portrait of Giulio Andreotti for Rolling Stone, May 2008
Cover & Portrait of Paul Weller for Mojo, June 2008
Portrait of Elio Germano for Rolling Stone p.56, September 2007
Portrait of Pete Doherty for Mojo p.48, January 2006